LIBRO

STRAGE A BRESCIA POTERE A ROMA

TRAME NERE E TRAME BIANCHE

Il libro analizza due avvenimenti che hanno segnato il maggio bresciano del 1974: la strage di piazza della Loggia e l'inchiesta sul MAR-Fumagalli. Nella parte iniziale l'opuscolo si rivolge polemicamente contro la prima inchiesta della magistratura bresciana sulla bomba del 28 maggio – quella relativa alla “pista bresciana” – che pretende di dare una risposta certa, definitiva, “rassicurante”, ma soprattutto limitata a responsabilità locali dell'eccidio. Interessante anche l'interpretazione – giornalisticamente parlando – che Lega e Santerini avanzano circa “i retroscena allucinanti, romanzeschi, politicamente gravissimi che un magistrato, Giovanni Arcai, stava per penetrare …”, indagando la pista MAR-Fumagalli. Evidenti – secondo loro – le complicità tra l'ambiente eversivo di estrema destra e tanti organi statali: carabinieri, Ufficio Affari Riservati, il SID di Vito Miceli, alti ufficiali della PS e persino un ministro democristiano.

Editore:

Autore:

Potrebbe interessarti anche...